Questo sito utilizza i cookies per offrire ai propri visitatori un'esperienza di navigazione facilitata e ottimizzata. Proseguendo, accetti la nostra cookie policyPrivacy Fissata dal GDPR 2018

 

Tipologie di accesso a dati e documenti detenuti dalla Pubblica Amministrazione o equiparati

 

ATTIVITA E PROCEDIMENTI  -BANDI E GARE/ CONTRATTI - SOVVENZIONI E CONTRIBUTI - BILANCI - SERVIZI EROGATI 

 

 

Documento Adobe Acrobat 196 KB
 
 

Le tipologie di accesso a dati e documenti introdotte dal legislatore possono essere così declinate, secondo la terminologia ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione):
1. Accesso documentale (accesso agli atti) disciplinato dalla legge n. 241/1990, limitato ai soggetti con interesse differenziato;
2. Accesso civico, disciplinato dal D.Lgs. n. 33/2013, art. 5, comma 1, limitato a documenti, informazioni o dati per i quali è previsto specifico obbligo di pubblicazione, nei casi in cui questa sia stata omessa (vedi anche specifiche descrizioni sotto riportate);
3. Accesso civico generalizzato, disciplinato dal D.Lgs. n. 33/2013, art. 5 e art. 5-bis, relativo all’accesso a dati, documenti, informazioni ulteriori rispetto a quelli oggetto di obbligo di pubblicazione.

 
  Accesso documentale (accesso agli atti) accesso civico a dati da pubblicare accesso civico generalizzato
normativa di riferimento Legge n. 241/1990 artt. 22 ss D.Lgs. n. 33/2013 art. 5,comma 1 D.Lgs. n. 33/2013 art. 5, comma 2 e art. 5-bis
accesso rispetto al soggetto
 
LIMITATOai soggetti titolari di un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l'accesso ILLIMITATOchiunque può esercitarlo anche indipendentemente dall’essere cittadino italiano o residente nel territorio dello Stato ILLIMITATOchiunque può esercitarlo anche indipendentemente dall’essere cittadino italiano o residente nel territorio dello Stato
accesso rispetto all’oggetto
 
LIMITATOsono accessibili i documenti amministrativi, ad eccezione di quelli indicati nell'articolo 24 della L. n. 241/90.Il diritto di accesso è esercitabile fino a quando la pubblica amministrazione ha l'obbligo di detenere i documenti amministrativi ai quali si chiede di accedere. LIMITATOai soli atti, documenti e informazioni oggetto di obblighi di pubblicazione. LIMITATOsono accessibili i dati e i documenti detenuti dalla Pubblica Amministrazione, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti, secondo quanto previsto dall'articolo 5-bis del D.Lgs. n. 33/2013.
oggetto dell’accesso
 
documenti amministrativi documenti, informazioni e dati documenti e dati (esclusa qualsiasi attività aggiuntiva di elaborazione dei dati)
necessità di motivare la richiesta
 
SI NO NO
risposta motivata
 
si, solo nei casi di diniego, differimento, limitazione si, solo nei casi di diniego(dati non soggetti a pubblicazione obbligatoria) si, solo nei casi di diniego, differimento, limitazione
richiestaindirizzata a(allegando copia del documento di identità in corso di validità)  - Ufficio che detiene i documenti richiesti - o Ufficio Relazioni con il Pubblico L’istanza può essere presentata, attraverso l’apposito modulo, con una delle seguenti modalità:- direttamente presso gli uffici protocollo;- tramite il servizio postale;- tramite posta elettronica certificata (utilizzando un dominio mittente di posta elettronica certificata) all’indirizzo  

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Responsabile per la Trasparenza e la prevenzione della corruzione L’istanza può essere presentata, attraverso l’apposito modulo, con una delle seguenti modalità:- direttamente presso gli uffici protocollo;- tramite il servizio postale;- tramite posta elettronica certificata (utilizzando un dominio mittente di posta elettronica certificata) all’indirizzo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 tramite posta elettronica all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 - Ufficio che detiene i dati, o i documenti richiesti - o Ufficio relazioni con il Pubblico L’istanza può essere presentata con una delle seguenti modalità:- direttamente presso gli uffici protocollo;- tramite il servizio postale;- tramite posta elettronica certificata (utilizzando un dominio mittente di posta elettronica certificata) all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

coinvolgimento controinteressati si no si
ricorso al giudice amministrativo si si si
organismo con funzioni consultive o di deflazione del contenzioso Autorità sostitutivaDifensore Civico competente territorialmente Autorità sostitutivaDifensore Civico competente territorialmente Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza;Difensore Civico competente territorialmente
 

Termini procedurali dell’accesso civico Il procedimento di accesso civico deve concludersi con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell’istanza con la comunicazione del relativo esito al richiedente e agli eventuali controinteressati. Tali termini sono sospesi nel caso di comunicazione dell’istanza al controinteressato durante il tempo stabilito dalla norma per consentire allo stesso di presentare eventuale opposizione (10 giorni dalla ricezione della comunicazione). In caso di accoglimento, l’amministrazione provvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti, ovvero, nel caso in cui l’istanza riguardi dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013, a pubblicare sul sito i dati, le informazioni o i documenti richiesti e a comunicare al richiedente l’avvenuta pubblicazione dello stesso, indicandogli il relativo collegamento ipertestuale. Laddove vi sia stato, invece, l’accoglimento della richiesta di accesso civico nonostante l’opposizione del controinteressato, l’amministrazione è tenuta a darne comunicazione a quest’ultimo. I dati o i documenti richiesti possono essere trasmessi al richiedente non prima di quindici giorni dalla ricezione della stessa comunicazione da parte del controinteressato, ciò anche al fine di consentire a quest’ultimo di presentare eventualmente richiesta di riesame o ricorso al difensore civico, oppure ricorso al giudice amministrativo (cfr. art. 5, commi 7-9).